LUCKY NUMBERS

LUCKY NUMBERS
LUCKY NUMBERS
LUCKY NUMBERS
LUCKY NUMBERS
LUCKY NUMBERS
LUCKY NUMBERS
LUCKY NUMBERS
LUCKY NUMBERS
LUCKY NUMBERS
LUCKY NUMBERS

Pitti Immagine
Pitti Bimbo 2016

Design
JoeVelluto (JVLT)

Project Assistant
D. Beghetto & A. Torresan

Typology
progetto di allestimento / project for exhibit design

Event
Pitti Bimbo, Firenze

Production
Pitti Immagine

Descrizione
L’origine della parola Smorfia Napoletana si perde nei meandri della storia, ma potrebbe derivare
da Morfeo, il dio del sonno nell’antica Grecia. La Smorfia, nell’immaginario collettivo, è strettamente
legata alla città di Napoli, per il lungo affetto che da sempre esiste tra i partenopei e il gioco del lotto.
Non esiste un vero e proprio inventore della smorfia anche se la teoria più diffusa racconta che
possa risalire all’antica Cabala ebraica secondo la quale non esiste nessun tipo di parola, lettera o
segno che non abbia qualche significato nascosto o recondito che l’uomo deve essere in grado di
decifrare attraverso i numeri.
Un’altra ipotesi riconduce la Smorfia al filosofo crotonese Pitagora, specializzato nei numeri.
Associare immagini o elementi comuni a numeri è quindi una consuetudine molto antica.
Che la Smorfia abbia radici nella Cabala è senza dubbio una realtà storica.
Il ricondurre numeri a cose ed oggetti per una maggiore conoscenza ed interpretazione della
realtà è un processo antichissimo.
Come detto di “smorfie” ce ne sono tante nel nostro paese anche se la più diffusa è di gran lunga
quella partenopea.
La corrispondenza tra cose e numeri era prima tramandata oralmente, poi si cominciò a trascrivere il
tutto su carta; molto spesso il numero era corrispondente ad un disegno per i tanti analfabeti.